· 

La salute e la nutrizione delle donne

Una buona nutrizione è indispensabile per assicurarci una salute ottimale, ma i nostri bisogni nutrizionali cambiano mentre attraversiamo le diverse fasi della vita. Negli ultimi anni, la ricerca scientifica ha accumulato una crescente conoscenza sulla nutrizione legata all’età e al genere. Questo sapere ci dà più opportunità di prima di comprendere i diversi rischi di salute specifici dell’Uomo o della Donna e cosa possiamo fare per ridurli.

Le malattie cardiache venivano considerate come una malattia dell’uomo, ma questo è lontano dalla verità. In realtà, annualmente muoiono di malattie cardiache circa 50.000 donne in più rispetto agli uomini. E’ 6 volte più probabile che le donne muoiano per malattie cardiache, invece che di cancro al seno.

 

Per la maggior parte di noi, la nutrizione è lo strumento singolo più forte per la prevenzione delle malattie cardiache. Minimizzare l’esposizione a scelte alimentari sbagliate e massimizzare la presenza di cibi “buoni” è una strategia prudente per quelle donne in cerca di protezione cardiovascolare. Per esempio, i benefici degli omega-3 per la salute cardiovascolare sono ben documentati in molti studi.

 

Più recentemente, i risultati pubblicati sull’European Journal of Clinical Nutrition suggeriscono che aumentati livelli di omega-3 potrebbero potenzialmente ridurre il rischio di arresto cardiaco in una donna. E’ stato dimostrato che anche una porzione di pesce grasso alla settimana può ridurre il rischio di avere un arresto

cardiaco di quasi il 30% rispetto alle donne che non mangiano pesce grasso.

l’American Heart Association ha presentato nuove linee guida per il rischio cardiovascolare nelle donne. Ideate per essere pubblicate sulla rivista Circulation, queste nuove linee guida si basano su anni di ricerca che oggi permettono di collegare una malattia cardiaca di una donna a complicazioni della gravidanza, come la preeclampsia, il diabete gestazionale o l’ipertensione indotta dalla gravidanza. Questi eventi legati alla gravidanza, aggiunti ai già noti fattori di rischio come alimentazione scorretta, carenza di esercizio fisico, obesità e sovrappeso, conducono ad un elevato rischio per la donna di sviluppare una malattia cardiaca,

diabete e sindrome metabolica.

Le donne sono di solito coloro che prendono le decisioni nel settore della salute, da cosa comprare al supermercato a ciò che va in tavola a cena, a quali integratori la famiglia prende per assicurarsi un’ adeguata nutrizione. Come mamme, mogli, figlie e sorelle, troppo spesso noi come donne siamo così focalizzate sull'essere  “allevatrici” e sul “prenderci cura” di amici e famiglia, che finiamo col trascurare la nostra salute...

 

Le donne sono intrinsecamente diverse dagli uomini, e le differenze fisiche, fisiologiche ed ormonali implicano necessità nutrizionali diverse tra uomini e donne. Come conseguenza, alcuni problemi di salute hanno un impatto sproporzionato sulle donne.

 

Per esempio, il 75% delle malattie autoimmuni, come artrite reumatoide, lupus, sclerosi multipla, diabete di

tipo 1 ed altre vengono riscontrati nelle donne. Le malattie cardiache uccidono più donne che uomini.

E’ otto volte più probabile che una donna di quaranta anni muoia per un attacco cardiaco, rispetto ad un

uomo della stessa età. Le donne addirittura metabolizzano in modo diverso alcuni farmaci.

 

Le ultimissime scoperte scientifiche hanno rinforzato alcune delle conoscenze precedentemente esistenti

sulla salute delle donne, hanno portato nuove intuizioni ed aperto nuove porte per aiutarci a raggiungere

un benessere ottimale per corpo e mente. A noi spetta solo usare queste conoscenze per supportare la nostra salute.

 

Quindi, prendetevi questo incarico! Prendete il controllo del benessere vostro e della vostra famiglia e

contagiate il mondo con la salute e la nutrizione. Tutti noi possiamo contribuire a creare un mondo più sano

in cui noi e la nostra famiglia possiamo prosperare.



Cibi integrali e i loro nutrienti bioattivi sono le chiavi per la salute del cuore Le nuove raccomandazioni alimentari pubblicate dalla Dr.ssa Louise Chang (Board Certified Internal Medicine, Stanford and New York Medical College) editore medico per WebMD, si focalizzano su “24 cibi che possono salvare il tuo cuore”. Particolarmente importanti per le donne, queste linee guida puntano su gruppi di cibi chiave e evidenziano nutrienti specifici o gruppi di nutrienti che forniscono benefici. L’elenco include:


Cibi Chiave

  • Erbe Fresche 
  • Fagioli Neri
  • Uva e Vino rosso.
  • Salmone, Tonno.
  • Noci e mandorle.
  • Soia.
  • Patate dolci.
  • Arance.
  • Bietola Svizzera.
  • Carote.
  • Prodotti caseari magri.
  • Ciliege e Mirtilli.
  • Cereali Integrali.

Benefici

  • Aggiungono sapore ai cibi e forniscono antiossidanti.
  • Acido folico, antiossidanti e fibre.
  • Resveratrolo e catechine, antiossidanti per la salute cardiovascolare
  • Acidi grassi Omega-3 per la salute del cuore.
  • Omega-3, effetto antinfiammatorio, steroli da vegetali.
  • Proteine, fibre e lipidi (grassi buoni).
  • Bassa risposta glicemica, fibre e carotenoidi, in particolare licopene.
  • Pectine contro il colesterolo, benefici sull’esperidina.
  • Carotenoidi luteina e zeaxantina.
  • Fibre solubili, carotenoidi.
  • Calcio, potassio, controllo pressione sanguigna.
  • Polifenoli, carotenoidi beta carotene e luteina, fibre.
  • Fibre, grassi buoni (lipidi) e steroli che aiutano a bloccare l’assorbimento del colesterolo e riducono l’LDL.

Supporto NeoLife

  • Carotenoid, Flavonoid, Cruciferous, Tre
  • Formula IV, Formula IV Plus
  • Tre, Flavonoid Complex
  • Omega 3 Salmon Oil Plus
  • Omega 3 Salmon Oil Plus
  • NeoLiShake, Nutrishake
  • NeoLifeShake, Carotenoid Complex
  • All-C, Sustained Release Vitamin-C
  • Carotenoid Complex
  • Carotenoid Complex
  • NeoLifeShake, Kal-Mag
  • Tre, Flavonoid Complex.
  • Tre-en-en


In NeoLife sappiamo che nel piano di Madre Natura per la nutrizione umana la chiave per salute e vitalità è nel cibo che mangiamo. Noi raccomandiamo fortemente di mangiare la varietà di cibo su menzionata e di evitare il più possibile i cibi processati, poveri di nutrienti e ricchi di calorie. Sappiamo inoltre che lo stile di vita moderno rende molto difficile realizzare una giusta combinazione di cibi integrali senza l’ausilio di integratori ottenuti da cibi integrali. Questo è proprio quello che offre la NeoLife.

Controllo del Peso


Essere in sovrappeso o obese è la sfida a volte più scoraggiante che una donna si trovi ad affrontare nel corso della sua vita. L’obesità ostacola il concepimento, diminuisce la fertilità, complica la gravidanza, impedisce l’allattamento, predispone alla depressione ed aumenta il rischio di parecchi tipi di cancro.3 I dati più recenti indicano che circa il 64% delle donne negli Stati Uniti sono in sovrappeso o obese.

Questo è il risultato diretto di una alimentazione povera e dell’inattività fisica, e contribuisce a molte delle preoccupazioni rispetto alla salute che oggi si presentano nella popolazione, incluse le malattie cardiovascolari, l’ipertensione, il diabete, l’osteoporosi ed il cancro. Risultati dal Nurse’s Health Study, che ha seguito 84,000 donne per 16 anni, ci dicono che obesità e sovrappeso sono il più importante fattore di predizione del diabete mellito. La chiave per il controllo del peso è quella di avere un’alimentazione ricca di nutrienti, comprendente cereali integrali, frutta e verdura e proteine magre, invece di un’alimentazione ricca di calorie, comprendente cibi veloci contenenti grassi e zuccheri processati. Aumentare l’attività fisica e ridurre il tempo speso in comportamenti sedentari sono due componenti molto importanti per il controllo del peso.


Peso sano durante la gravidanza

E’ particolarmente importante che le donne mantengano un peso sano prima di restare incinte per ridurre il rischio di complicazioni durante la gravidanza e assicurare un peso sano al nascituro. La maggior parte delle donne ha solo bisogno di assumere 300 calorie in più ogni giorno durante la gravidanza, il che può essere facilmente raggiunto da uno “shake” ricco di buone proteine, frutta e verdura e formaggio magro. Comunque, molte donne tendono a sovrastimare le loro necessità caloriche e come risultato mettono su un peso maggiore rispetto a quanto raccomandato. Alcuni studi, inoltre, suggeriscono che aumentare l’introito di proteine può aiutare a mantenere livelli sani di glucosio nel sangue, prevenendo così cali di energia e nausea associati alla gravidanza.


Benefici dei probiotici sulla perdita di peso post-partum

Una nuova frontiera della scienza sta valutando l’uso dei probiotici nella perdita e nel controllo del peso, con una speciale focalizzazione sulla perdita del peso post-partum. L’anno scorso alcuni ricercatori finlandesi hanno presentato dei dati al Congresso Europeo sull’Obesità sui benefici degli integratori di probiotici sulla perdita del peso nelle donne dopo il parto. Integratori, contenenti Lattobacilli e Bifidobatteri, sono stati somministrati a donne in gravidanza (BMI di 30+) nel loro primo trimestre. Un anno dopo la nascita del bambino, queste donne avevano i più bassi livelli di obesità centrale così come la più bassa percentuale di grasso corporeo, se comparate a quelle che non hanno assunto l’integratore.

 

Più recentemente, i dati di uno studio condotto su 50 donne in gravidanza hanno mostrato che quelle che avevano vissuto un eccessivo accumulo di peso durante la gravidanza avevano più batteri tipo Escherichia coli, Staffilococchi e Enterobatteri nel loro intestino e meno Bifidobatteri, in confronto alle donne che avevano vissuto un normale aumento di peso. I ricercatori credono che specifici probiotici siano associabili a più alti livelli di colesterolo HDL e migliorati livelli di acido folico. I Bifidobatteri in modo specifico sono legati ad un

aumento dei livelli delle vitamine del gruppo B. I ricercatori hanno commentato che ciò suggerisce che “la composizione della microflora intestinale è correlata al peso corporeo, all’aumento di peso e agli indicatori metabolici durante la gravidanza, il che potrebbe essere rilevante per il controllo della salute delle donne e dei nascituri.


Acidophilus Plus della GNLD fornisce un’esclusiva miscela di 5 tipi di benefici batteri produttori di acido lattico, compresi il Lactobacillus e il Bifidobacterium. Ciascuna capsula di Acidophilus Plus contiene 5 miliardi di microorganismi vivi ed è protetta dal nostro esclusivo sistema Gel-Gard per assicurare che il massimo numero possibile di batteri vivi raggiunga l’intestino.


Nutrizione per la salute riproduttiva

La British Nutrition Foundation ha recentemente pubblicato un’analisi sullo stato nutrizionale delle donne e ha riscontrato che molte di loro hanno diete carenti di nutrienti chiave. Gli autori hanno scritto “per quanto ci siano miglioramenti, l’introito di micronutrienti chiave, in particolare ferro, vitamina D, calcio e folato resta al di sotto dei livelli raccomandati. L’alimentazione delle donne è troppo ricca di grassi saturi e sale e povera in fibre, pesce grasso, frutta e verdura.”8 Queste carenze hanno effetti sulla donna aumentando la sua suscettibilità alle malattie croniche e non solo, ma hanno un impatto anche sulla salute e lo sviluppo del bambino. Nelle “Linee guida per una sana alimentazione italiana”, redatte dall’INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione)  possibile ritrovare alcuni consigli alle donne in gravidanza o durante l’allattamento:

 

• In gravidanza evita aumenti eccessivi di peso e fai attenzione a coprire i tuoi aumentati fabbisogni in proteine, calcio, ferro, folati e acqua: consuma quindi abitualmente pesce, carni magre, uova, latte e derivati e un’ampia varietà di ortaggi e frutta.

 

• In particolare, durante tutta l’età fertile abbi cura che la tua assunzione di folati copra i tuoi bisogni. In questo modo ridurrai il rischio di alterazioni del tubo neurale (spina bifida) nel feto.

 

• Durante l’allattamento le tue necessità nutritive sono perfino superiori a quelle della gravidanza: un’alimentazione variata, ricca di acqua, vegetali freschi, pesce, latte e derivati, ti aiuterà a star bene e a produrre un latte del tutto adatto alle esigenze del neonato.

 

 

Le mamme hanno un’enorme influenza sullo stato di salute dei loro bambini e delle loro famiglie. In realtà, la ricerca sta mettendo in evidenza l’impatto dell’alimentazione delle madri sulla salute dei loro bambini. Secondo i risultati di uno studio pubblicato sul Journal of Nutrition, il feto in sviluppo accumula un livello specifico di calcio nel grembo con l’aiuto della vitamina D. Per cui, se la madre ha una carenza di vitamina D, può essere difficile per il bambino raggiungere uno stato di salute ottimale delle ossa, anche se dovesse ricevere una supplementazione di vitamina D dopo la nascita. I ricercatori suggeriscono che “sforzi per ottimizzare lo stato della vitamina D nelle madri sono necessari insieme al mantenimento nell’infanzia, piuttosto che affidarsi ad una integrazione post-natale per ristabilire lo stato della vitamina D e la massa ossea.”


Il rischio di carenza di ferro è un grande problema, specialmente durante la gravidanza

Si stima che quasi il 40% delle donne nel mondo abbiano carenza di ferro o anemia, e questo ha implicazioni di salute drastiche per i loro bambini. Per questo, molti studi suggeriscono che le donne in età fertile, in particolare le adolescenti, trarrebbero dei benefici dalla integrazione. In realtà, l’anno scorso, uno studio condotto dalla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health ha scoperto che un’integrazione prenatale di ferro ed acido folico è stata in grado di ridurre la mortalità infantile, così come di ridurre l’incidenza di basso peso alla nascita ed anemia nelle madri. Questo è stato il primo studio del genere ad osservare gli effetti positivi a lungo termine nelle madri dell’integrazione alimentare di ferro ed acido folico sulla sopravvivenza del bambino.


Omega-3, critici per lo sviluppo del feto

Gli omega-3 sono da lungo tempo riconosciuti come nutrienti chiave nello sviluppo della vista e del cervello del feto. Proprio per il loro ruolo critico durante la gravidanza, tutte le istituzioni sanitarie sottolineano ripetutamente l’importanza di un’adeguata assunzione di omega 3. Un nuovo studio pubblicato sul Journal of Pediatrics ha confermato i risultati di altri studi e cioè che la quantità di acidi grassi omega 3 nell’alimentazione di una madre durante la gravidanza ha un impatto sulla funzione visiva dei suoi bambini.11 Un altro studio che ha investigato l’importanza dello stato degli acidi grassi nell’alimentazione di una donna in gravidanza, ha mostrato che le madri con il più alto introito di omega 3 avevano bambini che mostravano una più bassa probabilità di obesità infantile.


Omega-3 Salmon Oil Plus della GNLD è una scelta perfetta per assicurare un’abbondanza alimentare di acidi grassi omega-3. Testato in test clinici, contiene 8 membri degli acidi grassi omega-3 altamente bioattivi, che vengono facilmente assorbiti e rapidamente assimilati nelle membrane cellulari, rimpiazzando i grassi cattivi e riducendo fattori infiammatori potenzialmente dannosi.

 

Formula IV fornisce un ampia gamma di micronutrienti essenziali importanti per la salute delle donne, inclusi ferro, vitamina D ed acido folico. La combinazione di questi due prodotti è perfetta per ogni donna nei suoi anni fertili.


Supportare la salute delle ossa per tutta la vita

L’ osteoporosi, bassa massa ossea che può condurre a fratture debilitanti, è da lungo tempo nota come una delle maggiori preoccupazioni delle donne, in particolare quando si invecchia. Si stima che circa 75 milioni di persone soffrano di osteoporosi in USA, Europa e Giappone, e le donne hanno una probabilità quattro volte maggiore rispetto agli uomini di svilupparla. In realtà, una donna su due di 50 anni o più avrà una frattura dovuta all’osteoporosi nella sua vita.13 Perciò è molto importante per le donne massimizzare lo sviluppo e la struttura delle ossa negli anni pre-menopausa (12-50), in particolare durante la pubertà quando l’85-90% della massa ossea dell’adulto viene acquisita. Accanto ad una nutrizione adeguata e all’attività fisica, l’integrazione con calcio e vitamina D può aiutare a supportare e mantenere una massa ossea ottimale.

 

Uno studio recente pubblicato sulla rivista scientifica Osteoporosis International ha dimostrato che un’integrazione di calcio e vitamina D è in grado di migliorare significativamente lo sviluppo delle ossa nelle adolescenti. Lo studio randomizzato con controllo con placebo è stato condotto su 20 paia di gemelli identici di età compresa tra 9 e 13 anni per un periodo di 6 mesi. Il gruppo che assumeva integratori alimentari di calcio e vitamina D ha mostrato un significativo aumento della forza, della crescita e della densità ossea fino al 66%.15

Assicurare un adeguato introito di calcio e vitamina D nelle donne anziane è altrettanto importante: una nuova ricerca pubblicata sull’European Journal of Clinical Nutrition ha riscontrato che il calcio e la vitamina D sono efficaci nel migliorare la salute delle ossa nelle donne osteopeniche in post menopausa, oltre a supportare alcuni processi ormonali e biochimici chiave.


Non è mai troppo presto o troppo tardi per iniziare a fare dei passi per supportare la salute delle ossa. La NeoLife offre una grande scelta per aiutare ad assicurarvi che il vostro corpo riceva tutto il calcio e la vitamina D di cui ha bisogno. Il nostro Kal-Mag Plus D fornisce in ogni dose giornaliera raccomandata 450 mg di calcio, 225 mg di magnesio e 3μg di vitamina D.


Disturbi Mensili

Le Donne di tutto il mondo, sono ben consapevoli del fatto che i disturbi mensili e gli sbalzi di umore possono rappresentare un serio ostacolo al raggiungimento di un autentico senso di benessere.  Da secoli i più autorevoli esperti nella scienza delle erbe sanno che le donne hanno particolari esigenze cicliche e che certe erbe agiscono per equilibrare il ciclo femminile.

 

Poiché il ciclo mestruale femminile mantiene il suo organismo in un costante stato di flusso, nel corso dei secoli si sono sviluppate specifiche formule per aiutare la donna ad ottenere equilibrio e benessere, rivolte ad esigenze che sono specifiche dell’organismo femminile.


PERCHÉ SCEGLIERE LE ERBE PER I PROBLEMI FEMMINILI?

 

 

■ Perché le erbe hanno dimostrato un’efficacia dimostrata da secoli d’uso.

■ Perché le erbe hanno una lunga storia di uso sicuro, senza gli effetti collaterali associati con i farmaci chimici.

■ Perché le erbe sono la soluzione della natura alle sfide al benessere.

■ Perché le erbe non danno assuefazione.

■ Perché le erbe favoriscono in modo naturale e delicato la normale funzionalità femminile.

■ Perché le erbe hanno dimostrato di  riequilibrare l’organismo femminile ed aiutarne la propria vitalità.

■ Perché è stato dimostrato che le erbe alleviano i sintomi mestruali e premestruali, tra cui: gonfiore, infiammazioni, tensione al seno, irritabilità, crampi ed il blando senso di ansia.


Feminine Herbal Complex della GNLD contiene una selezione di erbe scelte sulla base della tradizione erboristica di tutto il mondo, come la dioscorea, l’iperico e l’agnocasto, in grado di favorire un atteggiamento mentale positivo, migliorare l’umore, rilassare e migliorare le funzioni femminili. 

  • Varietà di erbe a supporto delle esigenze delle donne.
  • Scutellaria e Melissa per rilassamento e benessere ottimale.
  • Salvia e Dioscorea per contrastare i disturbi della menopausa.
  • Agnocasto ed Angelica per contrastare i disturbi del ciclo mestruale.
  • Tarassaco per le funzioni depurative dell’organismo.

Bibliografia:

1. Levitan EB, et al. Fatty fish, marine omega-3 fatty acids and

incidence of heart failure. Eur J Clin Nutr. 2010 Jun;64(6):587-94.

Epub 2010 Mar 24.

 

2. Chang L, et al. 24 Foods that can save your heart. WebMD; 2010 Nov.

http://www.webmd.com/heart-disease/slideshow-foods-to-save-yourheart

 

3. Kulie T, et al. Obesity and Women’s Health: An Evidence-Based

Review. J Am Board of Fam Med; 2011 Feb; 24(1):75-8.

 

4. U.S. Department of Agriculture and U.S. Department of Health

and Human Services. Dietary Guidelines for Americans, 2010. 7th

edition, Washington DC: U.S. Government Printing Office, Dec 2010.

 

5. Meckling KA, et al. A randomized trial of a hypocaloric high-protein

diet, with and without exercise, on weight loss, fitness, and markers

of the Metabolic Syndrome in overweight and obese women. Appl

Physiol Nutr Metab. 2007 Aug;32(4):743-52.

 

6. European Congress on Obesity. Thursday, 7 May 2009 Kirsi Laitinen

et al.

 

7. Santacruz A, Gut microbiota composition is associated with body

weight, weight gain and biochemical parameters in pregnant women.

Br J Nutr. 2010 Jul;104(1):83-92.

 

8. Ruxton CHS, et al. Women’s diet quality in the UK. Nutrition Bulletin.

20May2010: 35(2): 126-137.

 

9. Finch SL, et al. Postnatal vitamin D supplementation following

maternal dietary vitamin D deficiency does not affect bone mass in

weanling guinea pigs. J Nutr. 2010 Sep;140(9):1574-81.

 

10. Christian P, et al. Antenatal and Postnatal Iron Supplementation

and Childhood Mortality in Rural Nepal: A Prospective Follow-up

in a Randomized, controlled Community Trial. Am J of Epid. 2009

Sep;170 (9): 1127-1136.

 

11. Jacques C, et al. Long-term effects of prenatal omega-3 fatty

acid intake on visual function in school-age children. J Pediatr.

2011 Jan;158(1):83-90, 90.e1. Epub 2010 Aug 25.

 

12. Donahue SM, et al. Prenatal fatty acid status and child adiposity

at age 3 y: results from a US pregnancy cohort. Am J Clin Nutr.

2011 Feb 10. [Epub ahead of print]

 

13. National institute of arthritis and musculoskeletal and skin

diseases (NIAMS). NIH Osteoporosis and Related Bone

Diseases National Resource Center. http://www.niams.nih.gov/

Health_Info/Bone/Osteoporosis/default.asp

 

14. National Osteoporosis Foundation. Fast Facts. Washington DC.

http://www.nof.org/node/40

 

15. Greene DA, et al. Calcium and vitamin-D supplementation

on bone structural properties in peripubertal female

identical twins: a randomized controlled trial. Osteoporos Int.

2011 Feb;22(2):489-98. Epub 2010 Jun 11.

 

16. Tenta R, et al. Calcium and vitamin D supplementation through

fortified dairy products counterbalances seasonal variations of

bone metabolism indices: the Postmenopausal Health Study.

Eur J Nutr. 2010 Dec 14. [Epub ahead of print

Scrivi commento

Commenti: 0